skip to Main Content
Pubblicazione Del Repository Per Il Trattamento Dei Dati Personali: Gestione Della Vigilanza Sanitaria

Pubblicazione del repository per il trattamento dei dati personali: Gestione della vigilanza sanitaria

Prima dell’attuazione della RGPD, la CNIL aveva adottato un’unica autorizzazione specificamente dedicata alla farmacovigilanza.

Questo nuovo sistema di riferimento declina nel settore dell’assistenza sanitaria, in modo pragmatico e operativo, i principi del RGPD.

Questo deposito è il risultato di una consultazione organizzata presso l’Istituto nazionale dei dati sanitari (INDS) e di organizzazioni pubbliche e private che rappresentano le parti interessate *. Questa consultazione ha permesso ai professionisti di presentare proposte. In particolare, ciò ha comportato l’espressa esclusione del trattamento dei dati personali da parte di professionisti e istituzioni sanitarie nonché da parte delle agenzie sanitarie. Allo stesso modo, come risultato di questa consultazione, il periodo di conservazione dei dati è stato esteso.

Il sistema di vigilanza sulla salute opera sulla base di principi comuni, in termini di finalità, categorie di dati trattati e destinatari. La CNIL ha sviluppato un unico repository, applicabile a tutti la vigilanza sanitaria (farmacovigilanza addictovigilance, biomonitoraggio, cosmetovigilanza, la sicurezza del sangue, ecc).

Se il trattamento dei dati personali delle organizzazioni soddisfa tutti i requisiti ivi stabiliti, queste organizzazioni non devono chiedere l’autorizzazione alla CNIL: possono semplicemente fare una semplice dichiarazione di conformità online prima di implementare la loro elaborazione dei dati. Se, al contrario, desiderano deviare dal sistema di riferimento, queste organizzazioni dovranno presentare una richiesta di autorizzazione alla CNIL.

FONTE: cnil.fr

Back To Top