skip to Main Content
£ 25.500 Dai Proventi Del Furto Di Dati, Un Dipendente è Stato condannato Al Carcere, Per L’accesso Ai Dati Personali Senza Permesso

£ 25.500 dai proventi del furto di dati, un dipendente è stato condannato al carcere, per l’accesso ai dati personali senza permesso

Un dipendente dell’industria automobilistica che è stato condannato a sei mesi di carcere nel novembre 2018 per l’accesso ai dati personali senza permesso, è stato condannato a pagare un ordine di confisca di £ 25.500 in un caso portato dall’ufficio del Commissario per le informazioni (ICO).

A seguito di un’udienza a Wood Green Crown Court, Londra, il 15 luglio, il giudice ha stabilito che Mustafa Kasim di Palmer’s Green ha beneficiato di migliaia di sterline a seguito dei reati.

Kasim aveva precedentemente lavorato per NARS (Accident Repair Services) per gli incidenti e ha accesso a migliaia di record dei clienti contenenti dati personali, senza autorizzazione. Ha utilizzato i dettagli di accesso dei suoi colleghi per accedere a un sistema software che stima il costo delle riparazioni dei veicoli, noto come Audatex.

Ha continuato a farlo dopo aver iniziato un nuovo lavoro presso un’altra organizzazione di riparazione auto che utilizzava lo stesso sistema software. I registri contenevano i nomi dei clienti, i numeri di telefono, le informazioni sul veicolo e gli incidenti.

Ciò ha portato a un’indagine da parte dell’ICO e, nel novembre 2018, è diventato il primo a essere incarcerato a seguito di un’indagine condotta dall’Ico, che è stata sottoposta al Computer Misuse Act.

Mike Shaw, Group Manager Enforcement presso l’ICO, ha dichiarato:

“Le nostre indagini hanno scoperto che il signor Kasim aveva tratto vantaggio finanziario dalla sua attività illegale. Come risultato delle sue attività, le persone i cui dati erano stati rubati hanno ricevuto chiamate a freddo e il suo ex datore di lavoro ha dovuto affrontare enormi costi di riparazione.

“I dati personali ottenuti in questo modo possono essere un bene prezioso e venderlo può sembrare un modo semplice per fare soldi ma le sanzioni possono essere severe. L’esito di questo caso dovrebbe servire da deterrente per gli altri “.

Kasim ha tre mesi per pagare l’ordine di confisca secondo il Proceeds of Crime Act del 2002 o potrebbe essere condannato a 12 mesi di prigione. Gli fu anche ordinato di pagare 8.000 sterline.

 

FONTE: ico.org.uk

Back To Top