skip to Main Content
Elizabeth Denham: Tecnologia Di Riconoscimento Facciale Dal Vivo In King’s Cross

Elizabeth Denham: tecnologia di riconoscimento facciale dal vivo in King’s Cross

Dichiarazione di Elizabeth Denham, Commissaria per l’informazione, sull’uso della tecnologia di riconoscimento facciale dal vivo a King’s Cross, Londra.

“Scansionare i volti delle persone mentre procedono legalmente nella loro vita quotidiana, al fine di identificarli, è una potenziale minaccia alla privacy che dovrebbe riguardare tutti noi. Questo è particolarmente vero se viene fatto senza conoscenza o comprensione delle persone.

“Rimango profondamente preoccupata per il crescente utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale negli spazi pubblici, non solo da parte delle forze dell’ordine, ma anche sempre più da parte del settore privato. Il mio ufficio e la magistratura stanno considerando indipendentemente le questioni legali e se l’attuale quadro ha tenuto il passo con le tecnologie emergenti e le aspettative delle persone su come vengono utilizzati i loro dati personali più sensibili.

“La tecnologia di riconoscimento facciale è un’area prioritaria per l’ICO e, se necessario, non esiteremo a utilizzare i nostri poteri investigativi e di applicazione per proteggere i diritti legali delle persone.

“Abbiamo avviato un’indagine a seguito delle preoccupazioni riportate dai media sull’uso del riconoscimento facciale dal vivo nell’area di King’s Cross, nel centro di Londra, che migliaia di persone passano ogni giorno.

“Oltre a richiedere informazioni dettagliate da parte delle organizzazioni competenti su come viene utilizzata la tecnologia, ispezioneremo anche il sistema e il suo funzionamento in loco per valutare se sia o meno conforme alla legge sulla protezione dei dati.

“In parole povere, qualsiasi organizzazione che desideri utilizzare la tecnologia di riconoscimento facciale deve rispettare la legge e deve farlo in modo equo, trasparente e responsabile. Devono aver documentato come e perché ritengono che il loro uso della tecnologia sia legale, proporzionato e giustificato.

“Sosteniamo la sicurezza delle persone, ma le nuove tecnologie e i nuovi usi dei dati personali sensibili devono sempre essere bilanciati con i diritti legali delle persone”.

 

FONTE: ico.org.uk

Back To Top