skip to Main Content
Dal Banco Di Scuola, Proteggi I Tuoi Dati Personali E La Privacy

Dal banco di scuola, proteggi i tuoi dati personali e la privacy

L’inizio dell’anno scolastico è rilevante per molti: alcuni si stanno avvicinando con ansia all’inizio di settembre, altri non vedono l’ora di farlo con gioia. La partecipazione al processo educativo è senza dubbio legata al trattamento dei dati personali, che è anche soggetto alle norme stabilite nel regolamento generale sulla protezione dei dati.

Prima di tutto, è importante notare quali sono i dati personali considerati nel processo di apprendimento.

Dati personali: qualsiasi informazione su una persona identificata o identificabile. Queste informazioni possono essere in lettere, numeri, grafici, fotografie, suoni, telefono e altre forme. Pertanto, i dati personali dello studente sarebbero, ad esempio, nome, cognome, indirizzo di residenza, numero di identificazione personale, vari numeri di identificazione, numero di telefono, informazioni sanitarie, immagine, informazioni di genitori o tutori.

Quando si tratta di informazioni personali degli studenti, la privacy è spesso ancora più importante dei vari aspetti della protezione dei dati personali.

Vorremmo mettere gli studenti, che stanno ancora crescendo ed emergendo, in un gruppo più sensibile e dovremmo trattare i loro dati con grande rispetto e cura, come la salute, lo stato sociale, in modo da non violare la loro privacy e dignità”, afferma Raimondas, Andrijauskas.

È necessario stabilire disposizioni specifiche per il trattamento dei dati riguardanti gli alunni al fine di garantire che le persone coinvolte nel trattamento dei dati personali siano debitamente informate del loro dovere di riservatezza.

In pratica, non è raro che i genitori degli studenti di una classe ricevano un elenco comune dei compagni di classe con i loro nomi, indirizzi e altre informazioni. La scuola è responsabile di garantire il rispetto del regolamento generale sulla protezione dei dati e deve elaborare gli stessi in modo da garantire un trattamento e una sicurezza adeguati; mediante adeguate misure tecniche  organizzative.

Pertanto, se è importante che l’insegnante si assicuri che le informazioni sullo studente siano corrette, i genitori o i tutori di ciascun genitore dovrebbero fornire solo informazioni relative al proprio figlio.

Parte della vita di apprendimento è sicuramente digitale, quindi gli amministratori scolastici e gli insegnanti dovrebbero fornire a ogni bambino informazioni personali, come accessi o password, piuttosto che un elenco comune per l’intera classe. Le informazioni riservate diffuse a un gran numero di destinatari possono avere conseguenze negative. Ad esempio, scherzare innocentemente quando si vedono gli esercizi di un altro bambino può trasformarsi in bullismo, causare problemi psicologici e diventare un problema per il burlone stesso e i suoi genitori a causa dell’identità inappropriata di un altro bambino.

Con l’introduzione del regolamento generale sulla protezione dei dati in Lituania, si è iniziato a chiedersi se i bambini potessero essere invitati a ritirare le loro credenziali e a postare i partecipanti. In questo caso è importante notare che il trattamento dei dati personali relativi al processo di apprendimento nelle scuole e in altre istituzioni educative si basa su un contratto con l’alunno o i suoi genitori o tutori. Questo non è il caso del trattamento dei dati personali che non è necessario per il processo di apprendimento. Ad esempio, la fotografia o le riprese durante gli eventi e la successiva pubblicazione di tali dati sul sito web dell’istituto di istruzione, sull’account dei social network, nei bollettini delle scuole e altre elaborazioni possono essere eseguite solo con il consenso.

Notiamo che la riforma della protezione dei dati ha già apportato cambiamenti positivi alla vita delle scuole e di altre istituzioni educative.

Secondo l’Ispettorato per la protezione dei dati, circa 300 istituti di istruzione hanno già attuato l’obbligo di nominare un responsabile della protezione dei dati (DPO) ai sensi del regolamento generale sulla protezione dei dati.

All’inizio del nuovo anno scolastico, incoraggiamo la comunità educativa a dare un buon esempio ai giovani nel rispetto dei loro dati personali e dei loro diritti alla privacy, che alla fine diventeranno un valore.

 

 

 

FONTE: GARANTE PRIVACY LITUANIA

Back To Top