skip to Main Content
USA, CALIFORNIA: Le Maggiori Compagnie Americane Spingono Per Le Leggi Federali Sulla Privacy Online Per Eludere Gli Sforzi Normativi Statali

USA, CALIFORNIA: Le maggiori compagnie americane spingono per le leggi federali sulla privacy online per eludere gli sforzi normativi statali

Mentre la California va avanti con quelle che sarebbero le leggi sulla privacy online più restrittive della nazione, i dirigenti di alcune delle più grandi società stanno portando il loro caso nella capitale per chiedere la regolamentazione federale.

Amministratori delegati di Amazon, AT&T, Dell, Ford, IBM, Qualcomm, Walmart e altri importanti servizi finanziari, aziende manifatturiere e tecnologiche hanno emesso una lettera aperta alla leadership congressuale chiedendo loro di agire sulla privacy online, attraverso l’organizzazione pro-industria, The Business Roundtable.

Ora è il momento che il Congresso agisca e assicuri che i consumatori non debbano affrontare la confusione sui loro diritti e protezioni sulla base di un mosaico di leggi statali incoerenti. Inoltre, poiché il panorama normativo diventa sempre più frammentato e più complesso, l’innovazione e la competitività globale degli Stati Uniti nell’economia digitale sono minacciate “, afferma la lettera.

Il sottotesto di questo invito all’azione sono le norme sulla privacy della California che entreranno in vigore entro la fine di quest’anno.

Cosa abbiamo notato quando la legge è stata approvata l’anno scorso, ci sono alcune componenti chiave della legislazione della California, tra cui i seguenti requisiti:

  • Le aziende devono divulgare quali informazioni raccolgono, a quale scopo commerciale lo fanno e per eventuali terze parti con cui condividono tali dati.

  • Le imprese sarebbero tenute a soddisfare le richieste ufficiali dei consumatori di eliminare tali dati.

  • I consumatori possono rinunciare alla vendita dei propri dati e le aziende non possono eseguire ritorsioni modificando il prezzo o il livello di servizio.

  • Le aziende possono tuttavia offrire “incentivi finanziari” per essere autorizzati a raccogliere dati.

  • Le autorità della California hanno il potere di multare le compagnie per violazioni.

C’è un motivo per cui le aziende spingono affinché la regolamentazione federale sostituisca qualsiasi iniziativa degli Stati. È più una sfida per le aziende aderire a un mosaico di diversi regimi normativi a livello statale. Ma è anche vero che le aziende, seguendo l’esempio delle case automobilistiche in California, potrebbero semplicemente aderire ai requisiti più rigorosi, il che chiarirebbe qualsiasi confusione.

In effetti, molte di queste aziende stanno già rispettando le rigide normative sulla privacy grazie al passaggio del GDPR in Europa.

FONTE: Tech Crunch

Back To Top