skip to Main Content
LONDRA: L’ascesa Della Moda Anti-sorveglianza

LONDRA: l’ascesa della moda anti-sorveglianza

LONDRA: Mentre i migliori designer hanno concluso la London Fashion Week e si sono recati a Parigi per attirare l’attenzione del mondo con le loro sontuose creazioni, un gruppo di artisti a Londra stava facendo la propria dichiarazione di moda, nel tentativo di diventare invisibile .

Emily Roderick, 23 anni, e le sue coorti in “The Dazzle Club” la scorsa settimana hanno girato per la capitale britannica con strisce blu, rosse e nere dipinte sui loro volti nel tentativo di sfuggire all’occhio vigile delle telecamere per il riconoscimento facciale.

Gli artisti hanno fatto una passeggiata silenziosa nella zona di King’s Cross nella città, sperando che il loro audace trucco si comportasse come un camuffamento e confondesse le telecamere.

“Ci stiamo nascondendo in bella vista”, ha detto Roderick alla Thomson Reuters Foundation, spiegando che i colori brillanti e le tonalità scure del trucco ostacolano la capacità di una fotocamera di riconoscere accuratamente i volti.

I computer sono diventati abili nell’identificare le persone negli ultimi anni, sbloccando una miriade di applicazioni per il riconoscimento facciale, dal monitoraggio dei criminali al conteggio dei truants.

Ma mentre le telecamere appaiono in punti improbabili in tutto il mondo, gli attivisti fanno temere la perdita della privacy e affermano che la società potrebbe essere sulla soglia di una distopia in cui il Grande Fratello vede tutto.

Modificare gli sguardi delle persone per ingannare le telecamere è diventato sempre più popolare tra artisti e designer negli ultimi anni, poiché l’uso del riconoscimento facciale è diventato più pervasivo, aumentando le paure sulla privacy, secondo gli esperti di moda.

Dagli occhiali da sole alle maschere per il viso, numerosi dispositivi indossabili che promettono un velo di anonimato si stanno facendo strada nel mainstream, ha affermato Henry Navarro Delgado, professore di arte e moda presso la Ryerson University canadese.

“C’è sempre stato qualcosa di sovversivo nello streetwear, e una delle nuove aree di sovversione è sicuramente la sorveglianza e, in particolare, il riconoscimento facciale”, ha affermato.

Ad Hong Kong, ad esempio, i manifestanti contro un disegno di legge che avrebbe permesso alle persone di essere mandate nella Cina continentale per processo hanno cercato di evitare la sorveglianza indossando maschere e vestendosi di nero.

MASCHERE E T-SHIRT

Le passeggiate decorative mensili del Dazzle Club si svolgono in diverse parti di Londra per sensibilizzare sul crescente utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale negli spazi pubblici, ha affermato Roderick.

Il mese scorso, il Garante britannico per la protezione dei dati ha avviato un’indagine sull’uso delle telecamere di sorveglianza da parte di uno sviluppatore di proprietà nell’area di King’s Cross.

La rivelazione che le telecamere stavano catturando e analizzando le immagini di persone che hanno attraversato il sito senza il loro permesso ha innescato una reazione pubblica e ha portato all’inizio delle passeggiate del Dazzle Club.

In una dichiarazione rilasciata a settembre, lo sviluppatore Argent ha dichiarato di aver spento il software e di aver utilizzato la tecnologia “solo per aiutare la (polizia) a prevenire e rilevare i crimini nel quartiere”.

La brillante vernice per il viso indossata da Roderick e dai suoi collaboratori è stata lanciata dall’artista americano Adam Harvey nel 2010 per un progetto artistico chiamato CV Dazzle.

Il nome del progetto è un cenno a una tecnica di mimetizzazione utilizzata per la prima volta nella prima guerra mondiale, quando le navi britanniche furono dipinte a zig-zag per impedire alle U-boat tedesche di essere in grado di dire quanto erano grandi o in che direzione stavano andando.

Harvey, 38 anni, ha dichiarato di aver tratto ispirazione dalla scena del party londinese “BoomBox” dei primi anni 2000 e dal trucco tribale della Papua Nuova Guinea per sviluppare una serie di look eccentrici che combinano la vernice per il viso e le frange di capelli appuntiti che le telecamere di bambù.

Nel 2016, ha raddoppiato con un modello tessile “esca” con facce stilizzate che hanno fatto sì che i rilevatori di facce registrassero falsi colpi.

Da allora alcuni negozi di abbigliamento online hanno stampato il motivo sugli abiti da vendere sui loro siti Web.

“L’obiettivo principale di questo progetto è mostrare alle persone che la sorveglianza non è invincibile”, ha dichiarato Harvey alla Thomson Reuters Foundation in un’intervista telefonica.

Da allora, altri designer si sono uniti alla ricerca di usare la moda per aiutare le persone a rimanere private in pubblico.

Il rivenditore online Adversarial Fashion vende camicie, gonne e altri capi decorati con finte targhe che si dice siano raccolte da telecamere di sorveglianza del traffico, “iniettando dati spazzatura” in un sistema usato “per monitorare e rintracciare i civili”.

Il designer di Chicago Scott Urban ha sviluppato occhiali da sole che bloccano le telecamere a infrarossi per il riconoscimento facciale.

Urban ha affermato che la sua principale preoccupazione era il potenziale hacking dei dati sulle caratteristiche del viso raccolti dalle telecamere e legati alle identità delle persone.

“Se qualcuno ruba la tua carta di credito, puoi cancellarla e ottenerne una nuova … (ma) la maggior parte di noi non farà chirurgia plastica per riorganizzare la nostra identità”, ha detto al telefono.

L’artista statunitense Leonardo Selvaggio ha fatto un ulteriore passo avanti con il concetto di maschera, sviluppando una copia protesica 3D del proprio volto che chiunque poteva acquistare online per circa $ 200 fino a quando la società produttrice non lo avesse chiuso all’inizio di quest’anno.

Oltre a proteggere gli utenti dalle telecamere, il dispositivo mirava a rovinare i sistemi di riconoscimento facciale legando il volto e l’identità di Selvaggio a una moltitudine di corpi diversi, ha detto l’artista.

“La mia ipotesi era che se avessimo potuto farlo abbastanza grande – e si spera alla fine con altri volti – potremmo mettere in discussione la capacità del riconoscimento facciale di fare il suo lavoro”, ha spiegato.

Selvaggio disse di essere a conoscenza di maschere protesiche simili che erano state usate per commettere crimini.

Nel 2010, un uomo bianco si è dichiarato colpevole di aver compiuto sei rapine in Ohio indossando una maschera del volto di un uomo di colore – uno stratagemma che inizialmente ha portato la polizia ad arrestare l’uomo sbagliato.

Lo scopo del suo progetto, ha aggiunto, era dimostrare che nessuna tecnologia utilizzata per catturare i criminali era “infallibile”.

NUOVO NORMALE?

Mentre gli accessori anti-sorveglianza offrono un certo grado di mascheramento, molti designer avvertono che le loro creazioni sono strumenti di commento sociale piuttosto che di invisibilità.

Harvey, ad esempio, ha riconosciuto che il suo modello tessile dalle molte facce ha funzionato su un sistema che è stato ampiamente utilizzato alcuni anni fa ma da allora è stato superato.

“Non funziona per i moderni sistemi di rilevamento dei volti che sarebbero utilizzati dalle forze dell’ordine”, ha detto.

Anche la moda del riconoscimento anti-facciale ha suscitato alcune critiche, con un accademico che ha detto che rischiava di “normalizzare” la sorveglianza.

“Queste opere d’arte accettano inevitabilmente una sorveglianza pervasiva”, ha affermato Torin Monahan, professore di comunicazione all’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

Nel frattempo, i camminatori del Dazzle Club a Londra affermano che il camuffamento fotografico sta aiutando le persone a rivendicare la propria identità e sperano che l’iniziativa si diffonda ad altre città, ha affermato Roderick.

“C’è sicuramente qualcosa di importante nel riuscire a prendere la proprietà della nostra immagine e capire quando vogliamo metterla nello spazio pubblico”, ha detto.

 

FONTE: REUTERS

Back To Top